Skip to main content

DLBCL e linfoma follicolare, continua l’ascesa degli anticorpi bispecifici

By Dicembre 15, 2023Dicembre 20th, 2023No Comments
Dai congressiNews

Continua l’ascesa degli anticorpi bispecifici CD20xCD3 nel trattamento dei linfomi non Hodgkin.

Sulla base dei follow-up a lungo termine a 32 mesi e a 3 anni dei due studi registrativi di glofitamab e mosunetuzumab, bispecifici con un regime di trattamento a durata fissa, i dati presentati all’ASH Meeting 2023 mostrano che, nella maggior parte dei pazienti con linfomi pesantemente pretrattati, sono state mantenute le remissioni. Inoltre, i dati iniziali, provenienti da studi di fase I/II  relativi a nuovi regimi di combinazione con glofitamab o mosunetuzumab, supportano gli studi clinici di fase III attualmente in corso  nelle linee precoci di trattamento del linfoma diffuso a grandi cellule B e del linfoma follicolare.

“Questi outcome confermano l’importante ruolo degli anticorpi bispecifici CD3xCD20 nel trattamento dei linfomi non Hodgkin B aggressivi ed indolenti, mostrando come una terapia a durata definita possa determinare risposte complete durature in pazienti pretrattati. In quest’ottica si conferma anche il razionale di studi clinici in corso, in cui gli anticorpi bispecifici vengono testati in strategie di combinazione nelle prime linee di trattamento” ha dichiarato Enrico Derenzini, Direttore della Divisione di Oncoematologia e Trapianto di cellule staminali, Istituto Europeo di Oncologia di Milano.

I dati con un maggiore follow-up degli studi registrativi su glofitamab e mosunetuzumab a durata fissa dimostrano che il beneficio viene mantenuto oltre la fine del trattamento.

I dati al follow-up aggiornato dello studio registrativo di fase II NP30179 su glofitamab somministrato per un massimo di 12 cicli (circa otto mesi) in pazienti con LBCL recidivante o refrattario che avevano ricevuto almeno due precedenti linee di terapia hanno mostrato risultati favorevoli anche nel lungo termine. Dopo un follow-up mediano di 32 mesi, il 55% dei pazienti con una risposta completa era in remissione a 24 mesi. La maggior parte di questi pazienti è rimasta libera da progressione ed era ancora in vita 18 mesi dopo aver completato il trattamento a durata fissa con glofitamab. Nei pazienti che avevano ricevuto in precedenza una terapia CAR-T, la durata mediana della CR è stata di 22,0 mesi.

Contemporaneamente, sono stati presentati i dati dello studio registrativo di fase II GO29781 con mosunetuzumab in pazienti con LF R/R che avevano ricevuto almeno due precedenti linee di terapia al follow-up aggiornato di tre anni. I risultati hanno confermato risposte durature e continue e un profilo di sicurezza gestibile anche dopo il termine del trattamento (fino a circa 12 mesi), con il 59% dei pazienti che ha completato il trattamento dopo otto cicli (circa cinque mesi) e il 72,7% dei pazienti con CR erano vivi e liberi da progressione di malattia, trenta mesi dopo la prima risposta. Nella popolazione complessiva, la sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 24 mesi e la sopravvivenza globale non è stata ancora raggiunta.

Infine, lo studio di fase II Morning Sun ha valutato la formulazione sottocutanea di mosunetuzumab in pazienti con linfomi non Hodgkin a cellule B, ha dimostrato che mosunetuzumab SC è attivo e ha un profilo di sicurezza gestibile nei pazienti con LF a basso carico tumorale in prima linea di trattamento. I dati hanno dimostrato che l’83,3% dei pazienti ha ottenuto una risposta metabolica completa (IC 95%: 62,6-95,3) e che le risposte erano ancora presenti al cut-off dei dati. La CRS è stata generalmente di grado lieve (grado 1: 36,7%; grado 2: 6,7%) e si è verificata solo nel primo ciclo. Anche mosunetuzumab sottocutaneo è oggetto di studio, in combinazione con lenalidomide per via orale nei pazienti con LF in 1L, nell’ambito dello studio di fase Ib/II CO41942.

Sono stati presentati anche i risultati di entrambi i bracci dello studio di fase Ib NP40126, che ha valutato glofitamab in combinazione con rituximab, ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina e prednisone (R-CHOP) e glofitamab in combinazione con polatuzumab vedotin più rituximab, ciclofosfamide, doxorubicina e prednisone nel DLBCL precedentemente non trattato. Dopo un follow-up mediano di 12 mesi, i dati del braccio glofitamab più Pola+R-CHP hanno mostrato che il 91,7% dei pazienti aveva avuto una CR senza alcuna progressione osservata. Dei pazienti con CR, il 95,5% era ancora in remissione, con un tasso di PFS a 12 mesi del 91,5%. I profili di sicurezza erano altamente coerenti con le analisi precedenti di questo studio. Questi dati supportano lo studio di fase III SKYGLO – in corso – nel DLBCL precedentemente non trattato.

Bibliografia: 

Hutchings M, et al. Glofitamab monotherapy in relapsed or refractory large B-Cell lymphoma: extended follow-up from a pivotal phase II study and subgroup analyses in patients with prior chimeric antigen receptor T-Cell therapy and by baseline total metabolic tumor volume. ASH Annual Meeting 2023; abstract #433.
Schuster S, et al. Mosunetuzumab monotherapy continues to demonstrate durable responses in patients with relapsed and/or refractory follicular lymphoma after ≥2 prior therapies: 3-year follow-up from a pivotal phase II study. ASH Annual Meeting 2023; abstract #603.
Budde E, et al. Mosunetuzumab plus polatuzumab vedotin demonstrates a favorable safety profile and efficacy in patients with relapsed or refractory  Large B-Cell Lymphoma: primary analysis of a phase Ib/II study. ASH Annual Meeting 2023; abstract #613.
Topp M, et al. Glofitamab plus R-CHOP induces high response rates with a manageable safety profile in patients with previously untreated diffuse large B-Cell lymphoma: a 12-month analysis from a Phase Ib Study. ASH Annual Meeting 2023; abstract #3085.
Flinn I, et al. Subcutaneous mosunetuzumab is active and has a manageable safety profile in patients with previously untreated, low-tumor burden follicular lymphoma: initial results from the phase II Morningsun Study. ASH Annual Meeting 2023; abstract #3029.