Skip to main content

Leucemia linfoblastica acuta e covid-19

A cura di Alessio Malta By Giugno 11, 2022No Comments
Dai congressiNews

La pandemia ha messo in luce la particolare fragilità di alcuni soggetti per cui i rischi collegati al covid-19 e la mortalità sono più elevati. Stiamo parlando dei pazienti con malattie oncoematologiche, e in particolare con leucemia linfoblastica acuta (LLA) che ha visto aumentare la mortalità in era covid di 2-3 volte. Vista l’assenza di consenso sul trattamento di LLA in corso di coronavirus, uno studio russo presentato all’EHA2022 Hybrid Congress si è occupato di determinare i principi e le caratteristiche di base della gestione dei pazienti in caso di covid.

Il campione era composto da 46 pazienti con LLA e covid-19 (uomini 52,2%, donne 47,8%) di età compresa tra 18 e 74 anni trattati presso il Moscow City Clinical Hospital: con B-LLA era 58,7% (27 pazienti), con T-LLA 34,8% (16 pazienti), bifenotipica 4,3% (2 pazienti), non definita 2,2% (1 paziente), LLA Ph-positiva 17,4% (8 pazienti). Lo stato della malattia dei pazienti al momento del ricovero in ospedale era vario: debutto di LLA – 20 pazienti (43,5%), remissione 16 pazienti (34,8%), recidiva e decorso refrattario 10 pazienti (21,7%).

Dal punto di vista del trattamento i pazienti sono stati trattati per covid-19 secondo le attuali linee guida (inibitore dell’interleuchina-6, terapia anticoagulante e antibatterica, glucocorticoidi (GC), immunoglobuline umane contro covid-19). La chemioterapia è stata somministrata a 18 pazienti (39,1%).

Non ci sono stati decessi nel gruppo di pazienti con remissione di LLA. Nei pazienti con l’esordio di LLA, la mortalità è stata del 45% (9 pazienti), in recidiva e decorso refrattario 50% (5 pazienti) (p=0,005). La mortalità nel gruppo che non ha ricevuto chemioterapia è stata del 35,7% mentre nel gruppo di chi l’ha ricevuta del 22,2%. Sei pazienti con LLA Ph-positiva (75,0%) hanno continuato la terapia con inibitori della tirosin-chinasi (TKI).

In sintesi, il trattamento del covid-19 nei pazienti con LLA viene effettuato secondo i protocolli generali, tenendo conto delle peculiarità della nosologia (agranulocitosi, alto rischio di PCP e infezione fungina con terapia a lungo termine di glucocorticoidi, persistenza di covid-19). Quando le condizioni del paziente si sono stabilizzate, la questione della chemioterapia dovrebbe essere decisa individualmente in ciascun caso, tenendo conto di tutti i rischi di LLA e covid-19. Durante la chemioterapia dovrebbero essere utilizzate dosi complete di glucocorticoidi. Nei pazienti con covid lieve e moderato si raccomanda infine di continuare le punture lombari e le iniezioni intratecali di chemioterapia e la terapia con TKI.

Bibliografia. Paramonova E, et al. treatment of acute lymphoblastic leukemia during covid-19. EHA Congress 2022; abstract #P363.