Skip to main content

LLC: dati real world su schemi e sequenze di trattamento

By Dicembre 9, 2019Ottobre 8th, 2021No Comments
Dai congressiNews

Quello della leucemia linfatica cronica (LLC) è un trattamento il cui paradigma è stato rimodellato dalla disponibilità degli inibitori delle vie di segnale del recettore delle cellule B (BCR) e da altri nuovi agenti, con l’87% dei pazienti in terapia con questo gruppo di farmaci, in accordo con i risultati provvisori dello studio in corso CLL Collaborative Study of Real-World Evidence, o CORE. Il più prescritto tra questi nuovi agenti è l’ibrutinib, seguito da venetoclax e idelalisib. All’ASH di quest’anno, Anthony R. Mato (Memorial Sloan Kettering Cancer Center, New York), ha presentato gli ultimi risultati dello studio CORE, che – secondo l’autore – fornendo una descrizione di baseline delle sequenze terapeutiche attualmente in uso consentiranno di valutare l’impatto dell’introduzione di tali agenti e degli outcome associati.

Il CORE è un trial osservazionale multicentrico retrospettivo che utilizza dati di real-world sulle terapie e sugli esiti nei pazienti con leucemia linfatica cronica e linfoma a piccoli linfociti, trattati tra il 2012 e il 2018. In particolare, i ricercatori hanno analizzato i pazienti con malattia recidivante/refrattaria che hanno iniziato il trattamento dopo il 12 febbraio 2014, data in cui il primo dei nuovi agenti è stato approvato dall’FDA.
I dati provvisori presentati riguardano 267 pazienti adulti trattati con sequenza. Al momento dell’analisi ad interim, 231 pazienti (l’87%) avevano ricevuto un nuovo agente in almeno una linea di terapia, sebbene fosse usato più comunemente come seconda linea di terapia:
• come prima linea, 35 (15%)
• come seconda linea 133 (58%)
• come terza linea o successive 63 (27%).

Il farmaco più usato in prima linea era l’ibrutinib (n = 198, 86%), seguito dal venetoclax (n = 18, 8%) e dall’idelalisib (n = 12, 5%). Rispetto agli schemi di sequenza dei pazienti arruolati, i ricercatori hanno osservato che più della metà di essi (n = 143, 54%) avevano ricevuto la combinazione chemioterapia / chemioimmunoterapia (CT/CIT) seguita da un nuovo agente. Era anche comune per i pazienti ricevere due nuovi agenti in sequenza (n = 63, 24%) o un nuovo agente seguito da CT/CIT (n = 17, 7%). Nonostante la disponibilità dei nuovi agenti, il 18% dei pazienti (n = 47) è stato quindi trattato solo con la combinazione CT/CIT.

Per esaminare la risposta dei pazienti alle specifiche sequenze terapeutiche, i ricercatori hanno confrontato gli esiti dei 220 pazienti (82%) in terapia con gli inibitori delle vie di segnale del recettore delle cellule B e i pazienti in terapia con regimi contenenti venetoclax (n 0 62, 23%). Anche in ciascuno di questi gruppi, la maggior parte ha ricevuto un agente in seconda linea di terapia. Nel primo gruppo (regimi terapeutici contenenti inibitori delle vie di segnale del recettore delle cellule B), 50 pazienti (il 23%) hanno raggiunto la remissione completa e 83 (38%) hanno raggiunto una remissione parziale. Ottantotto pazienti (il 40%) hanno ricevuto una terapia sequenziale, più comunemente con regimi contenenti venetoclax (n = 34, 39%). Quarantasei pazienti hanno ottenuto una remissione completa o parziale con la terapia successiva. Dei 62 pazienti che hanno ricevuto prima i regimi a base di venetoclax, 20 (32%) hanno raggiunto la remissione completa e 14 (23%) hanno raggiunto quella parziale. Quindici pazienti (24%) hanno ricevuto una terapia successiva, in genere un regime contenente BCRi (n = 10; 67%); 7 pazienti hanno ottenuto una risposta (3 CR e 4 PR).

I dati di questa analisi sono ancora provvisori, ha osservato il dott. Mato, e i ricercatori stanno continuando a raccogliere dati per comprendere meglio il trattamento di CLL / SLL nella pratica clinica reale.

Benedetta Ferrucci

Bibliografia Mato AR, Sail K, Yazdy MS, et al. Treatment sequences and outcomes of patients with CLL treated with venetoclax and other novel agents post introduction of novel therapies. Abstract #1756. Presented at the 2019 American Society of Hematology Annual Meeting, December 7, 2019; Orlando, FL.